Come ben sappiamo il mercato delle auto elettriche è in costante ascesa. La vendita di quest’ultime sono direttamente proporzionali al loro sviluppo, ma purtroppo alcuni fattori fanno vacillare gli acquirenti. Uno di questi che crea molta discussione nel mondo delle auto elettriche, oltre al prezzo il più delle volte esorbitante, è l’autonomia con annessa mancanza di infrastrutture. Vi siete mai chiesti se si possa effettuare una ricarica batteria auto elettrica efficiente e in poco tempo? La risposta ce la può dare un team di scienziati che hanno progettato un metodo di ricarica superveloce, che “riempirebbe” circa il 90% di batteria in appena 10 minuti. Tutto senza andare a inficiare sulla vita della batteria e sulle sue proprietà.

Ricarica batteria auto elettrica: una svolta che può cambiare la storia!

“La ricarica rapida è la chiave per aumentare la fiducia dei consumatori e l’adozione generale dei veicoli elettrici“. Sono le parole di Eric Dufek, responsabile del team di scienziati che lavorano a questo progetto. Il loro scopo è quello di rendere il gesto della ricarica quanto più simile possibile al rifornimento di carburante, quindi accessibile a tutti e con tempi accettabili. Ovviamente il problema che tutti noi conosciamo è che ricaricando in carica veloce spesso si danneggia la batteria. Ma l’uso di tecniche di apprendimento automatico, che incorporano i dati di ricarica precedenti, potrebbero essere la svolta positiva. Una sorta di raccolta dati che rende più “intelligente” il ciclo di ricarica di una batteria. Infatti raccogliendo dati sullo stato di salute delle batterie nei cicli di carico e scarico, gli scienziati hanno ideato un protocollo che migliora il trasferimento degli ioni di litio dal catodo all’anodo. In pillole, la velocità andrebbe al massimo consentito senza danneggiarla.

L’obbiettivo è quello di rendere la ricarica della batteria una sorta di “comunicazione” tra auto e colonnina, al punto che potrà essere stesso l’auto a definire la giusta velocità di carica per lo stato della propria batteria.

Speriamo che l’articolo vi sia piaciuto, fatecelo sapere sui social!

Rispondi