Il SUV elettrico con prestazioni da supercar

Cari amanti delle Tesla e cari amanti delle auto elettriche questa notizia potrebbe far comparire un simpatico sorrisetto compiaciuto sul vostro volto. Lo scettro di SUV più potente al mondo è di diritto di Tesla Model X Plaid 2021, ultima evoluzione del SUV di Palo Alto con le Falcon Wings. Non solo un aggiornamento tecnico ma un upgrade a 360° per affermare ancora una volta la propria leadership del segmento.

Interni del nuovo Tesla Model X con il volante che sembra la cloche di un aereo

Oltre 1.000 cavalli per nuovo Tesla Model X Plaid

I tre motori elettrici che servono a spingere nuovo Tesla Model X Plaid scaricano a terra l’equivalente di ben 1.020 cavalli. Una cifra impressionante, seppur con le motorizzazioni elettriche sia decisamente più semplice riuscire a raggiungere potenze che con i motori termici richiederebbero sforzi maggiori. Oltre 1.000 cavalli significano anche 2.6 secondi necessari per arrivare a 100 km/h da fermo e ben 262 km/h di velocità massima raggiungibile; prestazioni di spicco che chiedono anche un sistema Torque Vectoring che agisca su ogni singola ruota. Il tutto con un’autonomia stimata di quasi 550 km, che per un’auto elettrica sono più che interessanti, soprattutto considerando che i supercharger Tesla permettono di fare nuovamente il “pieno” in relativamente poco tempo.

Nuovo Tesla Model X 2021 cambia anche dentro

Gli interni della nuova Tesla Model X con display anche per i passeggeri

Le più grandi novità del SUV elettrico Tesla oltre a motori e potenza? Tecnologia di bordo, display e…volante. O almeno un qualcosa che gli somigli, perché il nuovo volante Tesla è una via di mezzo tra un volante da F1 ed una cloche di un aereo. Poi ci sono, in aggiunta al grande tablet verticale centrale, anche un display da 17 pollici per la strumentazione ed un altro, più piccolo, dedicato ai passeggeri posteriori.

Ah, a proposito: è venduta ad un prezzo di quasi 121.000 euro….

Sei più veloce di un elettrone delle batterie di Tesla? Ti sfidiamo a dimostrarlo: condividi velocemente il nostro articolo!

Rispondi