Il mito della Bugatti Chiron

Bugatti Rafal Czaniecki
L’elaborazione di Bugatti Chiron Terracross di Rafal Czaniecki

Tutti noi – o almeno la maggior parte di voi che frequentate questo portale – conosciamo la Bugatti Chiron. Un bolide su quattro ruote che la Bugatti ha lanciato in sostituzione della Veyron. Numeri da capogiro per il suo motore W16 e per tutto il comparto del propulsore esclusivamente termico. Nel tempo sono state lanciate anche alcune variazioni sul tema, ma quella che ha pensato il designer Rafal Czaniecki viaggia fuori da ogni schema. Mantiene la straordinaria potenza di 1.600 cavalli ma…ha qualcosa di particolare ed inaspettato.

La sportività e l’offroad possono coesistere?

TerraCross offroad
La Bugatti Chiron Terracross in fuoristrada

Davvero, possono coesistere il concetto di auto sportiva, supercar – o addirittura hypercar -, e l’idea di offroad? I grandi cerchioni e le spalle pneumatici ribassate, gli assetti affilati e le appendici aerodinamiche possono trovare spazio tra le rocce ed il fango? Secondo Rafal Czaniecki potrebbero avere il loro perché e lo dimostra con la Bugatti Chiron Terracross. Si tratta di una visione della hypercar francese del tutto rimodellata a favore di strade tutt’altro che asfaltate. Purtroppo si tratta solo di una elaborazione grafica, ma in quanti di voi vorrebbero vederla sul serio, magari in esemplare unico?

La Bugatti Chiron Terracross

La Bugatti Chiron Terracross
Vista di profilo della Chiron di Rafal Czaniecki in assetto fuoristrada

Bugatti Chiron Terracross vive con un assetto completamente modificato. Rialzata notevolmente da terra, aumenta l’escursione delle sospensioni per assorbire meglio le sconnessioni. Anche la carrozzeria subisce profonde modifiche: passaruota allargati, telaio rinforzato, fondo piatto irrobustito contro le rocce, fari supplementari sul tetto e grande ruota di scorta fissata sul lunotto posteriore. In pratica ha cominciato a prendere l’aspetto un po’ di carro armato questa Terracross, sulla quale anche la fanaleria anteriore e posteriore non è stata risparmiata da una serie di personalizzazioni. Dove la vedreste bene? Magari in un colossal da invasione zombie?

Ma nel frattempo sappiate anche che è della Bugatti un altro record molto particolare: quello della vernice più costosa al mondo! Ne abbiamo parlato qui: La vernice più costosa al mondo è di una Bugatti Divo

Fatecelo sapere condividendo questo articolo e supportando in questo modo Test-Driver.it. Ricordate che basta solo un clic!

Rispondi