Il colore della vernice dice tanto dell’auto

Siamo sinceri, ancor prima del design di una qualsiasi auto la prima cosa che notiamo è il colore. Inconsciamente è lo stimolo principale e meglio “digeribile” dal cervello ma che, proprio per questo, crea la prima opinione sul prodotto. Per questo motivo le Case studiano con particolare attenzione la gamma di colori da proporre come vernice per le proprie auto, così come il colore di lancio. Quest’ultimo deve essere in linea con il carattere del modello, rispecchiare le sue caratteristiche. Ma come viene studiato e quanto tempo ci vuole per deliberare un colore? Noi abbiamo l’esempio di Opel.

La vernice auto che esalta le forme

In sostanza tutto parte dello studio del mercato, del design dell’auto e del messaggio da comunicare. Sono lavori questi che vengono portati avanti non da un solo team ma da una serie di realtà differenti: il team predisposto al Marketing e quello del Design sono i due principali.

Vernici auto
La vernice auto è d’importanza cruciale per un nuovo modello, perchè il colore è la prima impressione che arriva al cervello

Una volta definito il colore principale, soprattutto per il lancio, bisogna passare alla tonalità. Nel caso della nuova Opel Astra il nuovo colore portato alla luce, usato anche per il lancio, è stato il “Kult Yellow“. Si tratta di un giallo non pastello ma sgargiante, che evidenzia molto le forme della nuova segmento C di Russelsheim (leggi qui della nuova Opel Astra). Lo studio dietro a questo colore è partito con la miscela di diverse vernici auto in modo prettamente manuale, con un misurino. Prova dopo prova il reparto Design è arrivato ad un risultato in linea con le richieste, che può quindi passare allo step successivo.

Gli step successivi alla “ricetta” del colore

La nuova vernice auto non è però già deliberata una volta trovata una “ricetta” plausibile. Ha bisogno di essere “digerita” dai colleghi del reparto marketing, ai quali viene sottoposta una mood board per mostrarne le potenzialità. Solo con questo ok si passa ai dettagli operativi, quindi alla produzione per i robot, che 1 anno prima dell’avvio della produzione devono essere già pronti a spruzzare la vernice sui nuovi modelli.

Tutto l’iter può richiedere diversi anni per lo studio, poichè il processo decisionale non solo chiama in causa molteplici realtà, ma non ha una strada liscia e lineare da percorrere.

Che ne pensi allora di queste curiosità? Ricorda che ne puoi trovare tante altre nella sezione dedicata: Curiosità

Non dimenticare di seguirci sui social e di lasciarci un like se ti è piaciuto l’articolo!

Rispondi